fondazione CENTRO STUDI progetti di ricerca convegni & corsi ecm STAMPA - WEB contatti

Metodo ABA - R.A.B.A. (REPARTO Applied Behavior Analysis)

R.A.B.A. (REPARTO Applied Behavior Analysis) è il nuovo reparto della Fondazione Peppino Scoppa sorto allo scopo di mettere a frutto le competenze professionali maturate in diversi anni di lavoro nel campo riabilitativo.

L’attività di questo nuovo reparto è centrata sulla presa in carico intensiva e precoce di bambini con diagnosi di autismo e disturbi pervasivi dello sviluppo, secondo principi e metodologie educative esclusivamente basate sull'analisi del comportamento.

Gli obiettivi prioritari del nostro Progetto sono disegnare ambienti educativi altamente specializzati sulla base delle esigenze individuali di bambini con età, competenze e livelli di funzionamento molto diversi ed offrire loro il miglior intervento, garantendo la massima integrità di trattamento. il reparto R.A.B.A si avvale della professionalità di figure professionali formate presso master approvati dall’agenzia internazionale indipendente che certifica gli analisti del comportamento, il Behavior Analyst Certification Board Inc.® .

La nostra professionalità si basa su una solida formazione analitico comportamentale che ci permette di affrontare tutti gli aspetti della crescita e dell’educazione di bambini di età diverse e diversi livelli di funzionamento.

Dedichiamo un’attenzione particolare alla comunicazione e al comportamento verbale di bambini per cui un’analisi strutturale del linguaggio non è in molti casi sufficiente a sostenere in modo adeguato la programmazione educativa.

Presso il reparto R.A.B.A sono presenti servizi di supervisione, valutazione e consulenza per bambini e ragazzi con sospetta diagnosi nello spettro autistico.
Abbiamo esperienza in interventi precoci, intensivi e globali per bambini dai 2 anni d'età e con diversi livelli di sviluppo, in interventi mirati alla riduzione di comportamenti problematici e in percorsi di sostegno alle autonomie personali e sociali .

Le missioni di questo nuovo reparto sono:

  • Prendersi cura dei bambini autistici dai 18 mesi ai 12 anni, mediante percorsi cognitivo-comportamentali, personalizzati e intensivi. Migliorare la qualità della loro vita da subito e per il futuro.
  • Sostenere le famiglie dal momento della diagnosi, aiutarle ad accettarla, formarle perché possano aiutare i figli nell’ambiente domestico.

Di seguito alcune domande frequenti che speriamo siano utili a tutti coloro che desiderano farsi una prima idea di in che cosa consiste l’intervento ABA per alunni con diagnosi di autismo e cosa può significare dal punto di vista organizzativo per una famiglia iniziare questo percorso(Queste note non possono sostituire una consulenza e una adeguata informazione scritta su tutte le caratteristiche dell’intervento, informazione che dovrà sempre precedere la consulenza e valutazione comportamentale, ma hanno uno scopo divulgativo e informativo).

Che cos’è l’ABA?

L’ABA è l’acronimo per Applied Behavior Analysis, che significa Analisi del Comportamento Applicata: un approccio scientifico per incrementare o diminuire nel tempo uno o più comportamenti tramite l’utilizzo di rinforzi e l’insegnamento di abilità adattive. L’ABA si prefigge anche l’obiettivo di modificare comportamenti indesiderati mediante specifiche tecniche. Usato da personale appositamente preparate può cambiare in profondità le vite e le abilità di coloro che soffrono di ritardi dello sviluppo in particolare di autismo.

Come funziona?

Le abilità da insegnare sono scelte su misura per ogni bambino e introdotte passo dopo passo ricompensando sistematicamente l’apprendimento. Raggiunti i primi obiettivi si riesaminano le mete da raggiungere e si procede con quelle successive. Ogni bambino ha un proprio curriculum a seconda dei suoi bisogni particolari che riguarderà un’ampia gamma di aree e di abilità e che comprende la comunicazione, il gioco, l’autonomia, la socializzazione, lo sviluppo motorio e le abilità scolastiche.

Qual è l’efficacia dell’ABA?

Ci sono centinaia di studi sul metodo ABA che mostrano quanti bambini raggiungono miglioramenti significativi dopo aver seguito un programma ABA intensivo.
Sfortunatamente non si tratta però di una cura che elimini la diagnosi e non si possono fornire garanzie sui risultati per i casi singoli.

Il mio bambino ha solo 3 anni, ABA può aiutarci?

Ci sono studi che mostrano come prima il bambino inizia un intervento fondato sull’analisi del comportamento applicata (ABA) migliori possono essere i suoi risultati. L’intervento ideale dovrebbe iniziare possibilmente non appena insorgano i primi sospetti e il bambino sia in corso di diagnosi.

Con che frequenza si dovrebbe applicare l’ABA?

Per i bambini più piccoli i risultati migliori si ottengono con un intervento intensivo individualizzato di 18-30 ore a settimana. Una notevole parte di tale tempo verrà spesa giocando col bambino, in maniera da identificare le sue motivazioni e i suoi desideri al fine di incoraggiare la comunicazione.

Grande importanza verrà sempre data a rinforzi positivi e ad un apprendimento che sia piacevole e altamente motivante. Un orario ridotto potrebbe forse avere lo stesso alcuni dei vantaggi di un intervento intensivo ma non ci sono prove che sostengano l’efficacia di un programma orario più breve indirizzato a bambini piccoli con diagnosi di autismo.

Chi pratica l’intervento ABA al mio bambino?

Il programma ABA deve essere stilato e condotto da un analista del comportamento (Supervisore)che fisserà gli obiettivi da raggiungere da parte dei membri della famiglia e da una squadra di terapisti formati (tutor) che lavoreranno sotto periodica supervisione. Di solito i tutor trascorrono col bambino una sessione di 3 ore lavorando sugli obbiettivi concordati con le procedure indicate e registrando i progressi tramite tecniche specifiche di trattamento dei dati. E’ un lavoro molto impegnativo che affianca il lavoro dei genitori.

Tutor e genitori dovranno incontrarsi regolarmente faccia a faccia e scambiarsi le idee oltre che lavorare direttamente con il bambino gli uni alla presenza degli altri. Avranno anche bisogno di prendere nota di dati e registrazioni degli obiettivi di apprendimento per permettere un insegnamento sempre coerente e fedele alle procedure indicate.
E’ veramente importante che tutti siano al corrente ed abbiano le stesse aspettative nei confronti dell’apprendimento del bambino: la coerenza porterà ai migliori risultati e questo riguarda i genitori, i nonni, il personale scolastico e i tutor. Per questo motivo si raccomanda di far accompagnare il bambino alla scuola dell’infanzia o ad altre sedi scolastiche da tutor formati e di fornire adeguata formazione anche ai referenti educativi scolastici del bambino.

Il mio bambino fa un sacco di capricci, L’ABA può aiutarlo?

Una parte importante di qualsiasi programma ABA riguarderà la gestione del comportamento non adattivo ed è necessario prendere nota di ogni occasione in cui si manifesta un comportamento provocatorio, con quelle informazioni si è in grado di analizzare la funzione del comportamento o la ragione per la quale si manifesta:

  • E’ perché ha sperimentato che in questo modo eviterà di completare un compito?
  • E’ perché gli viene consegnata attenzione in maniera contingente al comportamento problema?
  • Oppure il comportamento fornisce una stimolazione sensoriale ?

Questa informazione può essere usata per progettare un intervento adeguato e mirato a quel comportamento specifico. Se l’intervento viene realizzato in maniera coerente e da tutti gli adulti coinvolti nell’educazione del bambino potrà essere molto efficace.

Il mio bambino non parla, l’ABA può aiutarlo?

Uno degli obiettivi principali nell’intervento precoce è la comunicazione funzionale – insegnare ad un bambino a comunicare le sue necessità a tutti coloro che gli stanno attorno. Facciamo questo incoraggiandolo a chiedere gli oggetti che vuole e di cui ha bisogno. L’alternativa ottimale sarebbe ottenerlo mediante il linguaggio parlato ma possiamo insegnargli questa abilità anche usando il linguaggio dei segni o il PECS o altri sistemi di comunicazione tramite lo scambio di immagini. La comunicazione continuerà comunque ad essere uno degli scopi principali per tutta la durata del programma ABA.


Per informazioni rivolgersi in accettazione

Chiamando il numero  081/513.47.42  oppure  081/513.47.44

  • LUNEDÌ al VENERDÌ: 8:30 - 20:00
  • SABATO: 8:30 - 14:00

 


Verso l'eccellenza

E' vietato riprodurre e/o copiare in qualsiasi modo e su qualsiasi media i contenuti di questo sito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni contattare centroscoppa@gmail.com