Il Centro Diurno Integrato

Centro Diurno Integrato

Il Centro Diurno per disabili, secondo quanto previsto dalla Legge 104/92 e successive modificazioni e integrazioni, si configura quale spazio idoneo a favorire il processo di crescita e d’integrazione sociale di persone disabili, fornendo loro valide occasioni per sviluppare e/o migliorare le capacità relazionali e i legami che l’individuo instaura con la comunità di appartenenza.

Finalità del centro

  1. Il Centro svolge una funzione socio-educativa sul singolo individuo, mirata a recuperare le capacità fisiche ed intellettuali residue per migliorarne il livello di interrelazione e d’inserimento sociale.
  2. Il Centro prevede:
    • interventi integrati assistenziali educativi e sanitari a rilevanza sociale così come definito ai sensi del DPCM 14.02.2001;
    • sostegno e coinvolgimento della famiglia nell’opera socio-educativa per evitare l’istituzionalizzazione del disabile;
    • integrazione del disabile nell’ambiente sociale esterno.

Prestazioni

  1. Per realizzare tali finalità assicura le seguenti prestazioni:
    • Ospitalità;
    • Accudimento alla persona;
    • Attività di osservazione e orientamento mirate a:
    • Educazione del soggetto all’autonomia personale;
    • Mantenimento nell’utente delle capacità psichiche, sensoriali, motorie e manuali residue;
    • Miglioramento e sviluppo delle competenze linguistiche, logico-operative, cinestetiche, e delle abilità manuali in genere;
    • Inserimento degli utenti nell’ambiente territoriale e creazione di programmi individualizzati con obiettivi a breve e lungo termine, in collaborazione con l’A.S.L.;
    • Creazione di gruppi di lavoro multidisciplinari per l’osservazione e verifica delle dinamiche relazionali;

L’utenza - caratteristiche e bisogni

  1. Al Centro Diurno sono ammessi adulti ultra diciottenni affetti da disabilità lieve, medio grave di tipo psichico, fisico e psicofisico;
  2. Per ogni utente inserito nel Centro è predisposto un piano individuale specifico d’intervento nell’area della socializzazione, al fine di promuoverne la crescita personale a diversi livelli di autonomia (personale, formativa, lavorativa, ecc ) partendo dal rispetto delle capacità e dei traguardi già raggiunti.
  3. Tali piani sono redatti dall’Equipe multidisciplinare che, in pieno accordo con tutti gli altri operatori, definisce le attività da proporre specificandone i risultati.
  4. Adeguata informazione sul fine degli interventi adottati è data alle famiglie degli utenti, oltre che quotidianamente all’ingresso e all’uscita (in modo informale), anche durante gli incontri strutturati di Equipe multidisciplinare.
  5. Il Centro dovrà adoperasi per coinvolgere le famiglie quali parti attive per la piena riuscita degli interventi stessi.

Equipe Multidisciplinare

Al fine di garantirne l’efficace funzionamento, il Centro Diurno si avvale dell’intervento dato dalla sua EQUIPE MULTIDISCIPLINARE costituita da:

  • n. 1 Assistente Sociale;
  • n. 2 Educatori professionali, di cui uno con funzione di Coordinatore;
  • n. 1 TNPEE;
  • n. 1 Animatore sociale.

Il Coordinatore del Centro Diurno (Educatore professionale), ha il compito tra l’altro di trasferire al personale del reparto le direttive necessarie all’attuazione della programmazione.

Convoca i genitori periodicamente per relazionare sui programmi e le risultanze delle attività che coinvolgono in diversa misura gli utenti.

Responsabile oltre che degli interventi di propria competenza, (di natura socio-pedagogica), svolge in particolare le seguenti azioni in collaborazione e d’intesa con l’Assistente Sociale:

  • definisce modi di attuazione degli interventi individuali sulla base delle indicazioni contenute nelle diagnosi funzionali dell’A.S.L.;
  • verifica che la programmazione attuata dal personale del Centro avvenga nel rispetto degli obiettivi e delle finalità previsti dai progetti individualizzati;
  • verifica l’andamento del servizio erogato, coordina e stabilisce rapporti con le altre agenzie educative del territorio;
  • definisce la programmazione comune delle iniziative e le finalità del reparto semiresidenziale.

Le attività del Centro Diurno

Le attività programmate dal Centro sono mirate alla realizzazione di una pluralità d’interventi distinti in:

ATTIVITÀ INTERNE AL CENTRO il cui programma di attività proposte tiene conto dei singoli progetti individuali e dal progetto più articolato che coinvolge tutto il gruppo con obiettivi di socializzazione e di autonomia.

  • laboratorio di Autonomie personali;
  • laboratorio di Educazione e didattica funzionale;
  • laboratorio di Attività Multimediali;
  • laboratorio Attività sonoro – musicali;
  • laboratorio Attività domestiche e Cucina;
  • laboratorio di Attività Manuali e Ceramica.

ATTIVITÀ PROIETTATE ALL’ESTERNO attraverso cui si promuovono interventi, in ambito territoriale, quali ad esempio:

  1. incontri periodici per sensibilizzare la comunità locale sulle specifiche problematiche della disabilità;
  2.  mostre o ogni altro tipo di manifestazione per far conoscere le attività svolte all’interno del Centro;
  3. educazione all’utilizzo di strutture e servizi presenti sul territorio;
  4. inserimento dei disabili in iniziative culturali, sportive e di tempo libero del territorio;
  5. organizzazione di visite guidate sul territorio e nei dintorni per ampliare l’esperienza e confrontarsi con altre realtà;
  6. corsi di formazione organizzati dagli Enti competenti;

Apertura Del Centro

  • Il centro è aperto dal lunedì al sabato
  • Orario di funzionamento: da lun a ven dalle 8.30 alle 17:30
  • Il sab dalle 8.30 alle 14.00

Rapporto con le famiglie degli utenti

Premesso che la famiglia ha un ruolo importante nel coadiuvare l’opera educativa, riabilitativa e d’integrazione sociale che il Centro si propone, è necessario un costante coinvolgimento della stessa nella formulazione dei piani d’intervento e nella verifica dei risultati ottenuti.

Il Personale

Il Centro garantisce un rapporto di continuità tra gli operatori che svolgono funzioni educative e gli utenti a loro affidati, anche per meglio attuare i progetti individualizzati programmati.

Il personale impiegato in reparto è costituito, oltre che dai componenti dell’Equipe Multidisciplinare, anche da:

  • 2 Fisioterapisti;
  • 4 O.S.S.;
  • 1 Infermiere;
  • 1 Impegato Amministrativo

Alla base del Progetto sotteso alle attività del Centro Diurno è la rete d’interventi progettati per il consolidamento e lo sviluppo delle abilità socio-personali dell’utente. Tali interventi sono coadiuvati dall’attività del personale assistenziale:

O.S.S.

Sono gli operatori che intervengono accanto ad una persona con disabilità fisica per aiutarla negli atti quotidiani, compensando i suoi limiti funzionali, permettendole di realizzare le attività che quest’ultima avrebbe realizzato da sé se non fosse fisicamente compromessa, nonché di integrarsi e partecipare alla vita sociale, pertanto l’assistente (O.S.S.) svolge le attività:

  1. volte alla compensazione delle disabilità fisiche: igiene personale, abbigliamento, alimentazione e preparazione dei pasti, mobilità, manipolazione;
  2. volte all’integrazione e alla partecipazione alla vita sociale da parte della persona disabile;
  3. volte alla realizzazione di attività riguardanti le aree della comunicazione, del movimento, della cura della persona, della relazione interpersonale.

EDUCATORE PROFESSIONALE

L’Educatore professionale è l'operatore sociale e sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante, attua specifici progetti educativi e riabilitativi, nell'ambito di un progetto terapeutico elaborato da un'equipe multidisciplinare, volti a uno sviluppo equilibrato della personalità con obiettivi educativo/relazionali in un ambiente di partecipazione e recupero alla vita quotidiana; cura il positivo inserimento o reinserimento psicosociale dei soggetti in difficoltà.

L'educatore professionale:

  1. programma, gestisce e verifica interventi educativi mirati al recupero e allo sviluppo delle potenzialità dei soggetti in difficoltà per il raggiungimento di livelli sempre più avanzati di autonomia;
  2. contribuisce a promuovere e organizzare strutture e risorse sociali e sanitarie, al fine di realizzare il progetto educativo integrato;
  3. programma, organizza, gestisce e verifica le proprie attività professionali all'interno di servizi sociosanitari e strutture sociosanitarie riabilitative e socio educative, in modo coordinato e integrato con altre figure professionali presenti nelle strutture, con il coinvolgimento diretto dei soggetti interessati e/o delle loro famiglie, dei gruppi, della collettività;
  4. opera sulle famiglie e sull’ambiente sociale dei pazienti, allo scopo di favorire il reinserimento nella comunità;
  5. partecipa ad attività di studio, ricerca e documentazione finalizzate agli scopi sopra elencati.

 

ANIMATORE SOCIALE

L’animatore Sociale svolge le attività socio-ricreative e educative (attività ludiche, ricreative e di laboratorio, gite, visite culturali, attività sportive, tutoraggio per inserimenti lavorativi, percorsi per l’autonomia).

Pur dovendo operare con ruoli e mansioni non rigidamente distinti ma adeguatamente flessibili ed intercambiabili, in linea indicativa, mentre gli Assistenti si occuperanno prevalentemente dell’attività di cura della persona, l’Animatore, con il supporto degli Assistenti, si occupa delle attività socio-ricreative ed educative;

Gli operatori del Centro Diurno inoltre dedicano anche una quota tempo mensile predefinita alle attività di riunione di aggiornamento e verifica organizzate dal Coordinatore, nell’ambito dell’equipe multidisciplinare.

Centro Diurno Integrato

Informazioni

La Fondazione pone l'attenzione sul progetto riabilitativo alla persona formulando un approccio che si prenda cura dell'individuo in modo globale. L'équipe multidisciplinare valuta le risorse e le capacità residue affinché si possano adottare strategie idonee per far interagire la persona diversamente abile con il mondo circostante,conservando la propria dignità attraverso stili di vita consoni alle proprie radici.

Autismo R.A.B.A.